Crea sito

L'animale è un mezzo privilegiato per persone che hanno disagi fisici, psichici e/o in svantaggio socio-affettivo.  Attraverso i Programmi Assistiti con gli Animali vengono proposti dei percorsi di mantenimento o di potenziamento delle funzioni fisiche, sociali e/o cognitive.

Perchè scegliere l'asino come co-terapeuta?

Perchè l'asino è un animale morbido al tatto, disponibile, simpatico, intelligente, paziente, affettuoso, empatico, estremamente mite, attento e socievole che consente di lavorare con bambini, adulti e soggetti con diversi gradi di disabilità, sono animali tranquilli e prevedibili anche in situazioni particolarmente stressanti come manipolazioni maldestre, vocalizzi improvvisi oppure l’uso di accessori indispensabili come le pedane di ascesa.

L'asino ci aiuta a recuperare una comunicazione sincera, semplice e profonda, basata sulla spontaneità e sul gioco, ci spinge a riprendere fiducia in noi stessi.

Per le sue caratteristiche di animale forte, indipendente ma molto collaborativo.

L'approccio metodologico dei programmi riabilitativi assistiti con gli asini è basato sulla mediazione, che è caratterizzata da relazioni multidirezionali tra paziente-asino-terapista.

L'asino è un eccellente facilitatore nella costruzione di processi motivazionali, essendo in grado di promuovere, attraverso stimoli attivi e positivi lo sviluppo emozionale e cognitivo della persona.

I nostri animali sono adeguatamente formati si lasciano avvicinare da persone estranee,  portare in passeggiata, a piedi, si lasciano accarezzare anche in maniera energica, non reagiscono a stimoli uditivi improvvisi (caduta di attrezzi, grida  etc), non scalciano al passaggio di persone in prossimità del posteriore, non hanno reazioni esagerate in presenza di persone che si muovono rapidamente. Sono in ottimo stato generale, dei mantelli, degli zoccoli, dei denti, degli apparati muscolo scheletrico, delle mucose. Inoltre vengono effettuati trattamenti antiparassitari e sono in possesso di tutte le vaccinazioni obbligatorie .

Perchè l'asino è un animale morbido al tatto, disponibile, simpatico, intelligente, paziente, affettuoso, empatico, estremamente mite, attento e socievole che consente di lavorare con bambini, adulti e soggetti con diversi gradi di disabilità, sono animali tranquilli e prevedibili anche in situazioni particolarmente stressanti come manipolazioni maldestre, vocalizzi improvvisi oppure l’uso di accessori indispensabili come le pedane di ascesa.

L'asino ci aiuta a recuperare una comunicazione sincera, semplice e profonda, basata sulla spontaneità e sul gioco, ci spinge a riprendere fiducia in noi stessi.

Per le sue caratteristiche di animale forte, indipendente ma molto collaborativo.

L'approccio metodologico dei programmi riabilitativi assistiti con gli asini è basato sulla mediazione, che è caratterizzata da relazioni multidirezionali tra paziente-asino-terapista.

L'asino è un eccellente facilitatore nella costruzione di processi motivazionali, essendo in grado di promuovere, attraverso stimoli attivi e positivi lo sviluppo emozionale e cognitivo della persona.

I nostri animali sono adeguatamente formati si lasciano avvicinare da persone estranee,  portare in passeggiata, a piedi, si lasciano accarezzare anche in maniera energica, non reagiscono a stimoli uditivi improvvisi (caduta di attrezzi, grida  etc), non scalciano al passaggio di persone in prossimità del posteriore, non hanno reazioni esagerate in presenza di persone che si muovono rapidamente. Sono in ottimo stato generale, dei mantelli, degli zoccoli, dei denti, degli apparati muscolo scheletrico, delle mucose. Inoltre vengono effettuati trattamenti antiparassitari e sono in possesso di tutte le vaccinazioni obbligatorie .

Gli interventi assistiti con asini

Il lavoro con l'asino ha come dimensione fondamentale l'affettività, la comunicazione e la relazione. E' un metodo attivo che non permette mai di rimanere passivi o di isolarsi. E' indicato particolarmente per tutti quei disagi che hanno in comune una problematica legata all'area dell'affettività, alla gestione delle emozioni, alla relazione con se stessi e con gli altri.

L'incontro con l'asino non lascia mai indifferenti, qualunque sia la reazione che provoca.

L'elemento fondamentale di questo percorso è l'incontro e la possibilità di una relazione che consenta un nuovo racconto di sè. La scelta dell'asino come mediatore di una "relazione che cura" è legata a tutte le caratteristiche che rendono questo animale un compagno estremamente prezioso ed affidabile nei percorsi terapeutici che lo prevedono.

Relazionarsi con semplicità e attenzione è proprio di questo animale, infatti l'asino riesce sempre ad ottenere la partecipazione dell'altro, sollecitandolo sul piano affettivo, intellettivo, sociale e psico-motorio.

L'asino induce disponibilità, la stessa che esprime nel cercare il contatto degli esseri umani che entrano a far parte della sua realtà. Questo lo rende un elemento di aggancio importante nelle relazioni terapeutiche che faticano ad instaurarsi. Grazie all'asino la relazione si arricchisce della possibilità di entrare in contatto con il proprio mondo affettivo e con l'altro sè senza sentirsi minacciati. L'asino offre una relazione autentica, caratterizzata dal desiderio del contatto ma allo stesso tempo da un estremo rispetto per l'altro, la sua indole lo porta ad essere affettuoso e curioso senza essere invadente.

L'asino si presta con le sue dimensioni ad essere un interlocutore sufficientemente ingombrante per essere "visto" da chi entra in relazione con lui, anche nei casi più gravi. L'asino è un animale empatico, affettuoso, coccolone, ama essere notato, a differenza del cavallo, non è stato disegnato per la fuga ma per "sate", la sua presenza induce tranquillità e consente il sorriso. L'asino "sta" con il suo corpo e allo stesso tempo contiene l'espressione del piacere o anche il bisogno della comunicazione emotiva che nella persona è compromessa e che il lavoro con l'asino rimette in moto.

Il lavoro con l'asino consente la riscoperta del sè, attraverso il contatto corporeo, l'attenzione alle proprie emozioni, la relazione con l'altro, interazione con il contesto secondo le caratteristiche di ogni persona.

L'asino aiuta a ricostruire una trama personale.

Gli asini sono facilitatori eccezzionali nel difficile percorso di ricerca di una motivazione.

 

I nostri progetti sono sempre organizzati in un ciclo di incontri che a livello progettuale impone un approccio graduale all'asino nella sua dimensione relazionale mediata dal terapista e dal coadiutore dell'animale in collaborazione con chi segue l'utente.

Il comportamento affettuoso dell'asino che cerca il contatto fisico è empatico e la sua intelligenza, lo fanno un animale particolarmente adatto ad intraprendere Interventi Assistiti con Animali (IAA).

Realizziamo progetti socio-affettivi per persone anziane in case di ospitalità, persone con disagi psichici e progetti psicomotori al fine di recuperare la motricità utilizzando strumenti per la cura dell'asino rivolti sia ad adulti che a bambini.

Inoltre si realizzano progetti per persone con disturbi comportamentali, dell'apprendimento scolastico ed alimenatri. Vengono realizzati progetti per persone diversamente abili.

Lo scopo degli Interventi Assistiti con l'asino è di far vivere un'esperienza ed un tipo di relazione gratificante ed esplorare attraverso questa una modalità comunicativa alternativa.

 

L'attività viene svolta su appuntamento dalle 14.00 alle 17.00 il lunedì, materdì, giovedì e venerdì. Il sabato dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00 (orario invernale).